Proseguono i concerti del Conservatorio di Musica "Tito Schipa" di Lecce

8' di lettura 07/09/2022 - Prosegue l'estate del Conservatorio di Musica "Tito Schipa" di Lecce che anche quest'anno, grazie alla collaborazione con il Comune di Lecce (nel cartellone estivo LecceInScena) e al sostegno della Regione Puglia (Legge Regionale 29 dicembre 2017 - "Norme in favore dell'Alta formazione artistica e musicale"), si apre al territorio con una ricca programmazione di concerti.

Giovedì 8 settembre (ore 21 - ingresso gratuito fino a esaurimento posti) nel Teatro Apollo di Lecce si conclude la prima stagione di concerti dell'Orchestra regionale dei Conservatori di Puglia. L'iniziativa, nata da un'idea dei cinque conservatori pugliesi (Umberto Giordano di Foggia, Niccolò Piccinni di Bari, Nino Rota di Monopoli, Giovanni Paisiello di Taranto e Tito Schipa di Lecce) con il supporto dell'assessorato all'istruzione della Regione Puglia, vede come protagonisti gli studenti e le studentesse degli Istituti dell'Alta Formazione Musicale della Puglia. Riuniti per la prima volta insieme in un'unica grande orchestra sinfonica formata da 65 elementi (la cui età media si attesta sui 17 anni), i giovani musicisti sono in tour per cinque appuntamenti gratuiti sul territorio pugliese.

In questa prima produzione, oltre ai migliori talenti strumentisti, saranno coinvolti anche 20 studenti di canto lirico, metà dei quali di nazionalità cinese iscritti nei Conservatori regionali. Nasce così una compagine ricca di eccellenze, in grado di esercitare un ruolo propulsivo nell'avvicinare sempre più allievi allo studio della musica e, allo stesso tempo, offrire un laboratorio di formazione professionale permanente in un luogo, la Puglia, da sempre terra di grandi musicisti. La prima produzione dell'Orchestra, dal forte impatto emotivo, è un omaggio alla grande Musica classica con note sinfonie e celebri arie di Gioacchino Rossini, Giuseppe Verdi, Umberto Giordano, Vincenzo Bellini, Camille Saint Saens, Gaetano Donizetti. A dirigere l'Orchestra sarà il Maestro Nicola H. Samale, tra i più importanti direttori d'orchestra italiani, compositore e grande didatta, profondo conoscitore di tutti i generi musicali. La sua cifra stilistica è sempre stata contrassegnata da un profondo amore per la musica, della quale, dall'alto della sua sessantennale attività, è da sempre entusiasta divulgatore, soprattutto tra i giovani. Il tour partito da Lucera (4 settembre - Anfiteatro Romano), e proseguito a Bari (5 settembre - Auditorium del Conservatorio), Monopoli (6 settembre - Sagrato della Cattedrale) e Taranto (7 settembre - Villa Peripato) si concluderà dunque sul palco del Teatro Apollo di Lecce.

«L'orchestra degli studenti dei Conservatori della Puglia è un fatto originale ed inedito realizzato grazie alla sensibilità e al finanziamento dell'assessorato all'Istruzione della Regione Puglia. L'evento ha destato molto interesse, visto che coinvolge le Istituzioni pubbliche musicali in un tour con lo scopo di far conoscere brani di grandi compositori ai pugliesi amanti della musica classica», sottolinea Biagio Marzo, presidente del Conservatorio di Musica Tito Schipa di Lecce. «La Puglia, d'altronde, ha una grande tradizione musicale che ha origine dai numerosi complessi bandistici che si esibivano, in primo luogo, nelle feste patronali. Il concerto è affidato alla bravura degli studenti, che hanno apprezzato questa iniziativa lasciata tutta nelle loro abili mani. Ci auguriamo che questa orchestra possa in futuro proseguire la sua attività». Molto soddisfatto anche Giuseppe Spedicati, direttore del "Tito Schipa". «Questa Orchestra è il risultato che suggella un'ormai consolidata unità di intenti dei nostri Istituti e una proficua collaborazione con la Regione Puglia, e che dà agli studenti una straordinaria opportunità di formazione, di crescita professionale e di confronto».

Venerdì 9 settembre (ore 21 – ingresso libero) sul palco della Villa comunale approderà "Musica senza confini" con un repertorio che si muoverà tra rock, jazz, classica, cantautorato e molto altro con brani di ACDC, Eurythimics, Franco Battiato, Stevie Wonder, Metallica, Fabrizio De Andrè, PFM, Bob Dylan, Led Zeppelin, The Beatles, Eden Ahbez, Chick Corea, Joseph Kosma, Anthony Newley, Tomaso Albinoni, Antonio Vivaldi, Karl Jenkins, Giacomo Puccini, Gaetano Donizetti riarrangiati da Luca Basile, Riccardo Notarpietro, Domenico Stricchiola. Si esibiranno Luca Basile, Serena Chiarvalle (violoncello), Giovanni Facecchia (batteria jazz), Simone Greco (tromba), Michela Caloro (viola), Elia Leardi (trombone), Davide Mogavero (voce), Valeria Montesardo (voce), Riccardo Notarpietro (pianoforte jazz), Andrea Parisi (violino), Claudia Presicci (canto pop), Maurizio Protopapa (voce), Samuele Donato Semola (contrabbasso), Domenico Stricchiola (chitarra elettrica), Ingrida Žibaitė (violino).


Sabato 10 settembre (ore 19:30 – ingresso libero) le sale del MUST ospiteranno la conferenza "La musica, colta e popolare, medium di emozioni" con il racconto dei risultati degli studi sperimentali sulle emozioni suscitate a livello cerebrale dall'ascolto della musica colta e popolare del progetto EArPieCe (Encoding and Analysing Popular Music), approvato nel Programma transfrontaliero Interreg IPA CBC Italia-Albania-Montenegro 2014-2020, promosso dai Conservatori Tito Schipa di Lecce e Lorenzo Perosi di Campobasso, DHITECH - Distretto Tecnologico High-Tech di Lecce, Akademia Muzika di Tirana e dalla Montenegro Youth Orchestra. Interverranno Giuseppe Spedicati (direttore Conservatorio di Lecce), Tiziana Valerio e Nicola Sicilia (Dhitech), Roberto Greco (psicologo della Comunicazione), Luca Lotti (CEO ZeroDD), Clara Renna (responsabile ricerca ZeroDD), Corrado de Bernart (vice direttore Conservatorio di Lecce), Claudia Di Palma (voce e percussioni a cornice), Anna Rita Di Leo (voce e percussioni a cornice).

Martedì 13 settembre (ore 21 – ingresso libero) alla Villa comunale appuntamento con "Osmosi tra popolare e colto" con Giulio Büttner (pianoforte), Beatrice Mariella Macchia (pianoforte), Antonio Magione (canto lirico), Laura Martignano (flauto), Giulia Anna Montinaro (flauto), Paolo Sergio (pianoforte), Antonio Sicuro (pianoforte) Giada Sturdà (soprano) con musiche di Verdi, Liszt, Poulenc, Ginastera e trascrizioni di Borne, Galli e Doppler su temi operistici.

Mercoledì 14 settembre (ore 21 – ingresso libero) nella Villa comunale si recupera il concerto (rinviato il 30 agosto) "Rock in opera", una produzione originale ed inedita dove si incontreranno e si fonderanno il bel canto e le sonorità più ruvide del rock e del metal. Luca Basile (violoncello), Giovanni Facecchia (batteria jazz), Maria Grazia Carrozzo, Vicenza Greco, Mirella Mangiullo, Ramona Perrone (voce), Fabrizio Morrone (contrabbasso), Riccardo Notarpietro (pianoforte jazz), Domenico Stricchiola (chitarra elettrica) eseguiranno brani di Metallica, Nightwish, Epica, Scorpions, Tarja, Vision of Atlantis, Muse, Apocalyptica.

Mercoledì 21 settembre (ore 21 – ingresso libero) l'estate del Tito Schipa Music Factory si concluderà nella Villa Comunale con "Geografie musicali". Chiara Branca (flauto), Eleonora Bruno (violino), Alessandro Chiga (tamburi a cornice, saz), Barbara Della Corte (soprano), Francesco Napolitano (chitarra), Andrea Parisi (violino), Morris Pellizzari (tamburi a cornice, saz), Alessia Ragusa e Chiara Sticchi (violino) si alterneranno in tre set con sonorità, melodie e ritmi tradizionali del bacino del Mediterraneo, Yiddish e Klezmer, un recital di musica e parole per riflettere su conflitti e olocausti, e l'esecuzione per quartetto d'archi di composizioni dell'Ottocento e dei primi del Novecento.

Il Conservatorio di musica "Tito Schipa" di Lecce nasce come Liceo Musicale Salentino con Statuto approvato con decreto del Prefetto di Lecce n. 24494 del 21 novembre 1933. Con R.D. 12 ottobre 1939 n. 1993 (pubblicato sulla G.U. n. 11 del 15/01/1940) il Liceo Musicale Salentino è pareggiato ai Conservatori di musica con decorrenza dal 16 ottobre 1939. Con legge 8 agosto 1977 n. 663 (pubblicata sul S.O. alla Gazzetta Ufficiale n. 241 del 05/09/1977) il Liceo Musicale Pareggiato "T.Schipa" è trasformato in Conservatorio di musica statale con decorrenza dal 1 ottobre 1970. In applicazione dell'art. 1 quinquies del decreto legge 31 gennaio 2005 n. 7, convertito con modificazioni, nella legge 31 marzo 2005 n. 43, l'Istituto Musicale Pareggiato di Ceglie Messapica (BR), gestito dal Comune di Ceglie Messapica, viene accorpato, in qualità di Sezione staccata, al Conservatorio di musica "Tito Schipa" di Lecce con decorrenza dall'a.a. 2005/2006. Il Conservatorio Tito Schipa di Lecce è uno dei principali istituti musicali del Sud Italia: 1000 studenti e 130 insegnanti impegnati in tutte le tipologie della prassi e della teoria musicale. Direttore del Conservatorio è il M° Giuseppe Spedicati, Presidente Biagio Marzo. Il Conservatorio di Lecce è intitolato a Tito Schipa, il celebre tenore di grazia che finanziò la fondazione dell'Istituto negli anni Trenta del secolo scorso. Il Conservatorio, per valorizzare i vari aspetti della tradizione vocale, organizza corsi specialistici per cantanti d'opera, per interpreti del repertorio rinascimentale e barocco, del canto moderno e jazz.

Il Conservatorio annovera quattro orchestre: l'Orchestra Sinfonica l'Orchestra di Fiati, la Jazz Band e un'Orchestra Sinfonica Giovanile, e vari ensemble vocali di musica antica e moderna e un coro di voci bianche. Cultura barocca e tradizione bandistica caratterizzano il Salento e il Conservatorio cerca di potenziare e coltivare, con le sue risorse formative, queste importanti realtà. L'Orchestra di Fiati, è una delle punte d'eccellenza della formazione e della produzione musicale e discografica, come pure i gruppi di musica antica e classica, che si producono in vari festivals in Italia e all'estero. L'offerta formativa comprende trentadue indirizzi, per il percorso Accademico di Primo e di Secondo Livello. Sono anche attivi Corsi di Formazione Pre-accademica e Corsi Propedeutici AFAM. Particolarmente innovativo è il corso di studi della Musica Elettronica. Molto attivo è il Progetto Erasmus con cui il Conservatorio si relaziona con numerosi paesi europei. Il Conservatorio dispone di una Biblioteca di 11.000 testi tra cui 500 manoscritti. L'Istituto ha una sezione staccata a Ceglie Messapica e, così il Conservatorio è una "rete" del far musica, profondamente radicata nella Regione. I Festival e le rassegne del Conservatorio sono al centro della vita artistica e sociale di una Regione, la Puglia, che ha fatto della promozione culturale e dell'accoglienza il suo impegno elettivo.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 07-09-2022 alle 10:31 sul giornale del 08 settembre 2022 - 110 letture

In questo articolo si parla di

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dooY





logoEV