Nel mese di marzo 2022 la raccolta differenziata a Lecce ha raggiunto a soglia del 69,25%

2' di lettura 13/05/2022 - Nel mese di marzo 2022 la raccolta differenziata a Lecce ha raggiunto la percentuale del 69,25 per cento. L’annuncio del risultato è stato fornito nel corso della commissione Ambiente di giovedì 12 maggio dall’assessora Angela Valli che ha illustrato ai consiglieri comunali il percorso compiuto insieme al funzionario dell’Ufficio Ambiente Giuseppe Paladini, responsabile del procedimento.

L’ultima innovazione introdotta dal settore Ambiente del Comune sul tema dello smaltimento differenziato dei rifiuti riguarda le cosiddette “terre da spazzamento”, ossia il risultato della raccolta effettuata con spazzamento meccanico o manuale di polveri e piccoli rifiuti su strada. Nel mese di marzo 2022, il Comune di Lecce ha sottratto questa frazione al conferimento “tal quale”, ossia rifiuti urbani indifferenziati, precedentemente smaltiti in impianti di biostabilizzazione e avviati in parte in discarica in parte alla produzione di energia tramite inceneritore.

L’attivazione e autorizzazione in prossimità del territorio comunale di un impianto autorizzato a ricevere questa particolare tipologia di rifiuti, per trattarla e avviarla a successivo recupero e riciclo, ha consentito al settore Ambiente di destinarvi le terre da spazzamento della città e realizzare così un balzo avanti nel mese di marzo 2022 in termini di percentuale differenziata, guadagnando oltre 5 punti, passando dal 64 al 69,25 per cento.

Diminuisce dunque la quantità di rifiuti che la città di Lecce avvia in discarica o inceneritore: le terre da spazzamento pesano infatti 160 tonnellate al mese, e aumenta di conseguenza il trasferimento verso impianti di riciclo e riuso. Lecce consolida dunque il proprio percorso verso il raggiungimento degli obiettivi di sostenibilità indicati nel Piano per l’economia circolare 2020 dell’Unione Europea: differenziata stabilmente al 65 per cento e frazione avviata in discarica al massimo al 10 per cento entro il 2035.

Il primo obiettivo, già raggiunto, ha consentito di rideterminare il tributo speciale per il deposito in discarica e in impianti di incenerimento senza recupero energetico dei rifiuti solidi, la cosiddetta "ecotassa", oggi corrispondente a 3,614 euro a tonnellata. Il secondo obiettivo vede Lecce in marcia: la città da gennaio conferisce – nell’impianto di Poggiardo – circa il 30 per cento della raccolta come indifferenziata, contro una media pugliese del 47 per cento.






Questo è un articolo pubblicato il 13-05-2022 alle 12:07 sul giornale del 14 maggio 2022 - 106 letture

In questo articolo si parla di attualità, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/c7h1





logoEV