Operazione "Final-Blow", blitz della Squadra Mobile in collaborazione con la polizia spagnola

1' di lettura 18/12/2020 - Le attività investigative della Squadra Mobile iniziate nel 2017, legate all’operazione “Final Blow”,  (che il 27 febbraio scorso aveva condotto a 72 ordinanze di custodia in carcere), hanno dato un giro di vite all’organizzazione dedita ad attività criminali legate al traffico di stupefacenti.

Lo zelo nelle investigazioni hanno condotto infatti, alla cattura di un 55enne leccese sfuggito al blitz di febbraio e rifugiatosi a Barcellona. Il latitante, già noto alle forze di polizia e con alle spalle un lunga serie di reati, (tra cui una condanna con sentenza irrevocabile nel 1988 per associazione di stampo mafioso), avrebbe continuato ad essere coinvolto in attività illecite.

Nel corso delle indagini degli ultimi tre anni è stato evidenziato il sodalizio che il soggetto avrebbe legato con il clan di spicco operante su Lecce e provincia dedito alla gestione di canali di approvvigionamento e smistamento di sostanze stupefacenti, in cui il ricercato rivestiva un ruolo di fondamentale importanza avendo messo a disposizione la sua abitazione come deposito per la droga.






Questo è un articolo pubblicato il 18-12-2020 alle 22:47 sul giornale del 17 dicembre 2020 - 213 letture

In questo articolo si parla di cronaca, roma, redazione, lazio, articolo, Antonello Staccioli

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bFWm





logoEV