Lecce, infermiere in quarantena trovato morto: ipotesi suicidio

1' di lettura 24/11/2020 - Infermiere del "Fazzi" in quarantena trovato morto: aperte le indagini

Un infermiere del reparto di cardiologia dell'ospedale "Vito Fazzi" di Lecce, è stato trovato morto nella sua abitazione, dove stava trascorrendo il periodo di quarantena.

L'uomo aveva 58 anni, e proprio in corsia sarebbe entrato in contatto con un soggetto risultato positivo al Covid, senza però contrarre il virus. Il primo tampone effettuato dall'infermiere, sarebbe infatti risultato negativo, e a giorni avrebbe dovuto sottoporsi al secondo test.

Il 58enne si sarebbe tolto la vita inettandosi il contenuto di una flebo. A scoprire il corpo dell'uomo sarebbe stata la moglie. Sul luogo del decesso sono intervenuti i Carabinieri della Stazione locale al comando del maresciallo Tommaso Maggio.

I Carabinieri hanno ispezionato l'abitazione, sequestrando la flebo e alcune buste di medicinali. Il cadavere del 58enne è stato trasferito al "Vito Fazzi" per una visita esterna al corpo e successivamente gli inquirenti valuteranno un'eventuale autopsia.


di Hazelnut
redazione@viverepuglia.it





Questo è un articolo pubblicato il 24-11-2020 alle 12:12 sul giornale del 25 novembre 2020 - 267 letture

In questo articolo si parla di cronaca, suicidio, bari, lecce, Taranto, foggia, brindisi, puglia, infermiere, ipotesi, articolo, bat, ospedale fazzi

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bDdQ





logoEV